Scott Guthrie e il paese dei balocchi

Print Content | More

Per chi non lo conoscesse, Scott Guthrie ed è Corporate Vice President della divisione sviluppo di Microsoft. Tradotto in soldoni, è a capo dei team di sviluppo del CLR, di WPF, Silverlight, ASP.NET, IIS e tools vari per Visual Studio. Insomma, un impiego come tanti Smile

Questa settimana, tramite il suo blog, ha annunciato una serie di novità piuttosto interessanti per tutti gli sviluppatori che lavorano con tecnologie Microsoft, specialmente nel ramo Web. Eccovele una per una:

IIS Express

IIS Express è una nuova versione di IIS (il web server di Microsoft) che sta a metà strada tra IIS tradizionale e Cassini, il Development Web Server integrato in Visual Studio (quello che, per intenderci, viene avviato in automatico se fate il debug di un’applicazione Web utilizzando le impostazioni predefinite). Il punto di forza di questa nuova versione è di unire il meglio dei due mondi: IIS è infatti potente e configurabile e permette di avere applicazioni web up and running indipendentemente da Visual Studio. Permette inoltre di gestire tutta una serie di scenari quali il supporto a SSL, le regole di URL Rewriting, ecc. Lo svantaggio è che IIS è strettamente collegato alla versione di Windows che state utilizzando: su Windows XP avrete a disposizione IIS 5, su Windows Server 2003 IIS 6, mentre vi servirà per forza Windows 7 o Windows Server 2008 per usufruire di IIS 7. Inoltre, in alcuni ambiti (soprattutto grosse aziende) non sempre è consentita l’installazione di IIS sulle macchine di sviluppo, dato che Visual Studio, per poter effettuare il deploy e il debug su IIS, richiede privilegi amministrativi.

Cassini, dall’altra parte, non supporta molte feature di IIS e viene reso disponibile solo nel momento in cui avviate il debug in Visual Studio: vi permette però di avere un server Web attivo e funzionante in un nanosecondo, senza dover configurare niente e senza dover installare niente. Senza dimenticare che potete utilizzarlo anche senza avere priviliegi amministrativi.

Ecco, prendete i punti di forza di entrambe le tecnologie che vi ho appena descritto e unitele insieme: quello che ottenete è proprio IIS Express. Si tratta quindi di un web server configurabile e che supporta le feature più comuni di IIS 7, che però non è permanente ed è installabile anche su Windows XP: possiamo attivarlo e disattivarlo all’instante, senza che sia necessaria alcuna configurazione particolare o senza che l’utente abbia bisogno di permessi particolari sulla macchina. Addirittura, potete creare website al volo: vi basterà fare tasto destro sulla cartella che contiene la vosra applicazione web e, tramite una voce de menu contestuale, creare al volo un'istanza di IIS. Si tratta di una funzionalità molto utile quando, per testare la vostra applicazione, avete bisogno di rendere operativi, ad esempio, dei web service, magari non sviluppati direttamente da voi.

L’uscita della beta è prevista per la settimanta prossima, mentre entro l’anno è previsto il rilascio di un add-in per Visual Studio (sia versioni tradizionali che Express) che permetterà di fare il deploy direttamente su IIS Express delle nostre applicazioni. In futuro, IIS Express diventerà parte integrante di Visual Studio.

Per ora, vi lascio il link del post sul blog ufficiale: consiglio una lettura soprattutto ai commenti, perchè trovate una serie piuttosto nutrita di Q&A tra i developers e Scott Guthrie che coprono più o meno tutti i possibili dubbi riguardo questo nuovo prodotto.

Silverlight PivotViewer

pivot-01

Avete mai sentito parlare dei Pivot? E’ una tecnologia in fase di studio di Microsoft che nasce con lo scopo di fornire una maniera innovativa di visualizzare grosse quantità di dati. In parole povere, Pivot vi consente di mostrare, sotto forma di immagini, enormi quantità di dati e poi di filtrarle man mano in base alle esigenze dell’utente. Vi consiglio caldamente di scaricarvi la demo disponibile all’indirizzo http://www.getpivot.com/ se non l’avete mai vista, perchè è veramente notevole: oltre ad essere impressionate dal punto di vista tecnico, perchè vi permette di ricercare informazioni su collezioni di dati molto grosse in un batter d’occhio, lo è anche dal punto di vista visivo, dato che l’effetto con cui i dati vengono filtrati e raggruppati è decisamente d’impatto.

La novità di questa settimana è il rilascio di un controllo, chiamato PivotViewer, per implementare i Pivot all’interno di una applicazione Silverlight: assieme ad esso, sono stati rilasciati vari tool che vi permetteranno di generare i file, contenenti i dati della vostra collezione, che PivotViewer deve utilizzare per mostrare le informazioni.

Se siete interessati all’argomento, vi riporto i 4 link che Scott Guthrie ha pubblicato sul suo blog per trovare tutte le informazioni necessarie:

  • PivotViewer General Overview: www.microsoft.com/silverlight/pivotviewer
  • Download the PivotViewer control & Technical Documentation: www.silverlight.net/learn/pivotviewer
  • Use the PivotViewer collection building tools from Live Labs: www.getpivot.com/developer-info/tools.aspx
  • Silverlight PivotViewer Forums: www.silverlight.net/forums/68.aspx
  •  

    SQL CE 4.0

    Sql CE (Compact Edition) è una soluzione Microsoft per la gestione di database che non richiede l’installazione di un DMBS dedicato, ma è standalone (da qui il nome Compact). Si tratta di una tecnologia largamente usata in tutti gli scenari in cui non è possibile l’installazione di un DMBS, ad esempio applicazioni mobile (fino a Windows Mobile 6.5). La novità introdotta con la versione 4.0 è il pieno supporto ad ASP.NET: potrete quindi appoggiarvi a questo DB per la vostra applicazione web. Il grosso vantaggio è che SQL CE si basa su un subset di SQL Server, perciò le API per manipolare i dati sul DB sono le stesse: se avete già una applicazione che utilizza SQL Server e volete passare a SQL CE (o viceversa) non dovrete riscrivere una riga di codice. Inoltre, sempre per lo stesso motivo, sono supportate tutte le librerie di persistenza dati che funzionano su SQL Server, come MEF o NHibernate.

    Si tratta di una soluzione ottima per tutte quelle applicazioni Web medio / piccole (ad esempio, un gestionale di una piccola azienda o di una manifestazione sportiva) in cui gli accessi contemporanei al DB sono molto ridotti e l’installazione di un vero e proprio DBMS (fosse anche gratuito, come la versione Express di SQL Server) può essere un’operazione troppo onerosa. Determinante nella scelta è anche la quantità di dati da gestire: i database possono essere massimo di 4 GB (una dimensione comunque generosa) contro i 10 GB di SQL Server Express.

    Il deploy di un database SQL CE 4.0 è veramente banale: basta copiare i file del DB nella cartella App_Data della nostra applicazione Web; non è neanche necessario registare il database, viene fatto tutto in automatico. Il grosso vantaggio è che, lato server, non bisogna fare assolutamente nulla: sarà necessario semplicemente trasferire i file del database via FTP sul server, così come normalmente si fa per i file che compongono la nostra applicazione. Come nel caso di IIS Express, l’uscita della beta è imminente (forse questa settimana stessa) e verrà resa disponibile come add-in per Visual Studio (sia versioni standard che Express).

    Unica nota: in tanti (me compreso) speravano in un rilascio di una nuova versione di SQL CE compatibile con Silverlight e Windows Phone, che permettesse di utilizzare database localmente senza dover ricorrere per forza di cose all’utilizzo di servizi. Purtroppo non è così per la versione 4.0: ad una domanda diretta fatta tra i commenti del post, Scott Gutrhie ha risposto che si tratta di una sfida interessante e che ci stanno ancora lavorando. Vi lascio comunque il link del post originale: come per IIS Express, anche in questo caso trovate un’interessante serie di domande e risposta tra i developers e Scott.

    Razor

    Razor è un nuovo view engine per ASP.NET, che verrà integrato nativamente nella prossima release di ASP.NET MVC. I view engine sono dei plugin per MVC che permettono di utilizzare diverse sintassi per i template con cui vengono costruite le pagine: uno dei più famosi è Spark, di cui il buon Ugo vi ha parlato recentemente sul suo blog in una serie di post. Non ho molti dettagli da darvi, dato che non sono di certo un esperto di ASP.NET MVC, perciò vi rimando al post ufficiale per tutte le informazioni: non escludo che il buon Ugo, noto esperto di ASP.NET MVC,  possa dedicare in un futuro non troppo lontano uno o più post sull’argomento.


    IIS , SQL CE , Sql Server , Razor , ASP.NET , Pivot , Silverlight , IIS Express , ASP.NET MVC

    0 comments

    Related Post


    (will not be published)
    (es: http://www.mysite.com)